giovedì 26 aprile 2012

Ciambella romagnola


Questa ciambella è il dolce più diffuso in Romagna, si tratta di una preparazione rustica a pasta secca e dalla caratteristica forma ovale, ebbene si, è una ciambella ma non ha il buco ;)
Se state cercando un dolce per la colazione, da inzuppare nel latte o nel tè, questa ciambella fa proprio al caso vostro, provatela, non vi deluderà. Ma è ottima anche dopo cena accompagnata da un bicchiere di vino dolce.
La ricetta è tratta dal libro "torte, dolci per eccellenza". 

ingredienti:
300 g di farina 00
120 g di burro
70 g di zucchero
50 g di fecola di patate
2 uova
2 cucchiaini di lievito
1 limone bio
un pizzico di sale
qualche cucchiaio di latte

per decorare
70 g di zucchero in granella
latte

preparazione:
Versare in una ciotola la farina, la fecola, lo zucchero, il lievito e il sale, mescolare e formare una fontana.
Aggiungere la scorza grattugiata del limone, le uova e il burro a pezzetti, lavorare gli ingredienti con le mani e unire qualche cucchiaio di latte, per ottenere la giusta consistenza dell'impasto, ossia morbido ma non troppo appiccicoso.
Quando gli ingredienti sono tutti amalgamati trasferire l'impasto sulla spianatoia infarinata e lavorarlo per qualche minuto in modo da renderlo liscio ed elastico.
Trasferire la pasta su una placca rivestita con carta da forno, stenderla con le mani dando una forma ovale e schiacciata, spennellare la superficie con il latte e cospargere lo zucchero in granella.
Cuocere a 180° nel forno statico per circa 35 minuti (nel mio forno: 170° per 30 minuti). Lasciare raffreddare il dolce prima di tagliarlo a fette e servirlo.

Note:
La ciambella risulta molto più buona il giorno dopo la preparazione, una volta pronta, consiglio di farla riposare per gustarla appieno il giorno successivo. 

19 commenti:

  1. Ti è venuto una meraviglia!!!!

    RispondiElimina
  2. Meravigliosa nella sua semplicità, complimenti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Stupendamente invitante!!!

    RispondiElimina
  4. deve essere buona così friabile...una fetta si può??

    RispondiElimina
  5. Giusto in tempo per pucciare una bella fetta in una tazzona di latte :) Adoro questa "ciambella senza buco", conosciuta grazie alla zia romagnola. E' tantissimo che non la faccio, mi hai dato un'idea per il we :) Bacioni, buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. L'ho sempre vista e mai mangiata, prima o poi mi cimenterò in questa preparazione, la tua è bellissima! Buon fine settimana ;-)

    RispondiElimina
  7. Questa ciambella mi ispira da pazzi è proprio meravigliosamente golosa!!baci,imma

    RispondiElimina
  8. il fatto che si chiami ciambella ma non abbia il buco è divertente ^^ cmq ha davvero un aspetto genuino...

    RispondiElimina
  9. sssiii'!!!! e lei!
    io sono super emiliana e la tua ciambella e' perfetta!
    ma non dappertutto la si chiama cosi',dipende dalle zone,infatti viene chiamata anche bensone o belsone!
    un bacione e super complimenti!

    RispondiElimina
  10. Mi piacciono molto i pani dolci!! Sembra buonissima!

    RispondiElimina
  11. adoro questa ciambella.... ha un'aspetto veramente favoloso e invitantissima....bacini

    RispondiElimina
  12. Ha un aspetto rusticone e di casa! Mi piace, con il tè deve essere meraviglioso!
    Baci.

    RispondiElimina
  13. Bellissima stupenda e favolosa come dice Natalia un'aspetto rustico!
    Bravissima
    Buon1° Maggio baci

    RispondiElimina
  14. Che bella questa ricetta e che bello questo blog!! Mi unisco ai tuoi lettori! Ciao!

    RispondiElimina
  15. Deve essere deliziosa e anche leggera! hai ragione è una buona idea per la prima colazione.
    ciao
    Ale

    RispondiElimina
  16. Buona!!! Questa mi piace :)

    RispondiElimina
  17. questa cosa che si chiama ciambella e non ha il buco ti giuro che mi manda ai matti! non l'ho mai capita!! l'ho assaggiata dalla mamma del mio fidanzato che è di ravenna: perfetta per la colazione!

    RispondiElimina
  18. bellissimo blog!! torno con + calma a prendere nota!!!complimenti!!!!ciao

    RispondiElimina